Velletri, Polizia Penitenziaria: “Porterò istanze nelle sedi competenti”

Un paese che non investe nelle sue principali rappresentanze è un paese che ha perso il senso dello Stato e che non ha orgoglio di sé. La protesta della Polizia Penitenziaria che proprio stamattina si sta svolgendo davanti al carcere di Velletri è semplicemente il triste epilogo di una realtà emergenziale rimasta inascoltata da troppo tempo. La situazione dell’istituto penitenziario veliterno è la peggiore del Lazio con detenuti in sovrannumero e agenti invece sotto organico. Il comparto della Polizia Penitenziaria è un settore strategico per l’Italia e le donne e gli uomini che vi sono impegnati per garantire legalità e sicurezza nelle carceri meritano non solo rispetto ma anche di essere messi nelle condizioni di operare al meglio. Avevo già rivolto qualche settimana fa un appello ai dirigenti della ASL Roma 6 per una corretta gestione dei detenuti psichiatrici facendomi carico delle numerose denunce pervenute dai sindacati di settore sulle condizioni estreme in cui gli agenti si trovano costretti ad operare proprio all’interno del carcere di Velletri.

Leggi anche: Velletri, emergenza carceri: “Si garantiscano condizioni adeguate per gli agenti di PP”

Lo stato di agitazione di oggi poteva forse essere scongiurato, se si fosse dato ascolto prima a quanto viene segnalato da tempo. Prendo atto positivamente in ogni caso della nota del Provveditore che sembra andare nella direzione del recepimento di quanto richiesto dalle rappresentanze sindacali e mi rendo disponibile a sostenere queste istanze nelle sedi competenti.

Rassegna Stampa:

Silvestroni, su protesta polizia penitenziaria presso carcere Velletri

Velletri, carcere. Protesta polizia penitenziaria. Silvestroni (FdI): “Disponibile a sostenere le istanze”

Protesta della Polizia penitenziaria a Velletri, Silvestroni (Fdi) solidale


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.