Nel Lazio, la sanita’ distrutta da
Zingaretti non garantisce il diritto alla salute. Nella regione di Zingaretti e’ vietato nascere. La sanita’ Laziale tra scandali e incapacita’ sta perfino vietando
all’intera valle del sacco di poter far nascere i bambini. Dopo la chiusura del punto nascite di
Colleferro trasferito a Palestrina, anche quest’ultimo chiude, e
bisogna arrivare a Roma per fare nascere un bambino. La sanita’
distrutta da Zingaretti e dai suoi amici “responsabili” non e’
piu’ in grado di garantire il diritto alla salute. Nella Regione
Lazio non si muore di solo Covid e l’inadeguatezza totale del
sistema ospedaliero dovuto dai tagli alla sanita’ pubblica,
soprattutto in questa situazione straordinaria e di urgenza, non
puo’ essere sopportata in silenzio. Il piano vaccinale non
esiste e le strutture ospedaliere rimaste non possono garantire
il diritto alla salute dei cittadini Laziali. Zingaretti invece
di fare inutili passerelle al Colle con Fico e Renzi si
preoccupasse di riattivare l’assistenza sanitaria territoriale e
domiciliare.

Di marcosilvestroni

Deputato della Repubblica - Fratelli d'Italia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.